Prima festa dei laureati in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche

All’evento, che si è svolto a Villa Lebrecht il 16 giugno, hanno partecipato laureati, studenti e docenti del corso di laurea

Sono oltre 300 i laureati in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche all’università di Verona. Un traguardo importante che è stato festeggiato il 16 giugno a Villa Lebrecht. L’incontro è stato anche l’occasione per lanciare l’idea di un’associazione Alumni che mantenga vivi i contatti tra laureati, studenti e docenti e che possa mettere a fattor comune competenze acquisite durante il corso di studi ed esperienze professionali.

L’evento, a cui hanno partecipato laureati, studenti del terzo anno e docenti, è stato aperto dai saluti di Zeno Varanini, presidente del Collegio didattico del corso di laurea, del rettore Nicola Sartor, della direttrice del dipartimento di Biotecnologie Paola Dominici e di Matteo Piancastelli della Valpolicella Benaco Banca, grazie al cui contributo è stato possibile realizzare l’incontro. A seguire, i presidenti che si sono succeduti alla guida del collegio didattico di Scienze e tecnologie viticole ed enologiche hanno ricordato le diverse fasi di sviluppo del corso di laurea, oggi realtà consolidata in grado di suscitare l’interesse del settore viticolo ed enologico e che offre opportunitàà lavorative importanti ai suoi laureati. Infine, Luigi Moio, docente di Enologia del dipartimento di Scienze degli alimenti dell’università di Napoli ha tenuto una lectio sull’organizzazione del  profumo del vino e la sua evoluzione nel tempo.

Dopo gli interventi l’incontro è proseguito nel parco di Villa Lebrecht con un buffet e la musica della Perdido Jazz Band. I partecipanti si sono dati appuntamento all’anno prossimo per la seconda edizione della festa, organizzata, magari, dall’associazione Alumni che in molti hanno ritenuto essere un’idea importante e da realizzare.