Musica e musicisti nelle corti di antico regime

Al via il ciclo di conferenze organizzato dal Conservatorio e dal dipartimento di Culture e civiltà

Conservatorio e dipartimento di Culture e civiltà dell'università di Verona insieme per un ciclo di conferenze. L'iniziativa “Musica e musicisti nelle corti di antico regime” prenderà il via l’8 marzo e proseguirà fino al 12 aprile. Durante i sei incontri in programma interverranno docenti di ateneo e del conservatorio, accompagnati da esecuzioni musicali a cura degli studenti del conservatorio.

Al centro degli appuntamenti, che si terranno alle 18 nell’Auditorium nuovo Montemezzi, ci saranno le pratiche culturali delle grandi corti europee dal Rinascimento alla fine del Settecento, le relazioni tra la musica, la danza e il potere, le carriere di musicisti e il mecenatismo musicale tra corti e città nell’Antico regime. Il primo incontro “La cultura dell’antico regime” si terrà l’8 marzo e avrà come relatore Gian Paolo Romagnani, direttore del dipartimento Culture e civiltà e docente di Storia moderna.

Il ciclo di appuntamenti inaugura la rassegna “Musica/Culture/Civiltà”. L’iniziativa, che analizza la musica nella storia, nella cultura e nella società, sarà riproposta ogni anno con un tema diverso, che sarà affrontato da sei studiosi con prospettive differenti e aperture interdisciplinari.

Agli studenti dell’università e del conservatorio che parteciperanno al ciclo di incontri saranno riconosciuti 2 crediti formativi.
Per maggiori informazioni e il programma completo degli appuntamenti consultare l'allegato.

È disponibile in podcast l'intervista a Vincenzo Borghetti realizzata da FuoriAulaNetwork.

01.03.2017

Allegati