“Maledette suffragette”: la storia dell'emancipazione femminile

In occasione della giornata contro la violenza sulle donne al polo Zanotto si è tenuta la messa in scena dell'opera di Gian Antonio Stella

In occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, venerdì 25 novembre è stato messo in scena al polo Zanotto “Maledette suffragette. Storie, canti e immagini della lotta per l’emancipazione femminile”. Grande affluenza di pubblico per lo spettacolo di Gian Antonio Stella, voce narrante, e di Gualtiero Bertelli, voce, chitarra e fisarmonica, protagonisti insieme a “La compagnia delle Acque”.

L’evento è stato organizzato dal Comitato unico di garanzia dell’università di Verona e dall’associazione “Isolina e…”, è stato inserito nel ciclo di iniziative promosso dall’assessorato pari opportunità del comune di Verona per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e che proseguirà fino al 17 dicembre.

Lo spettacolo è stato preceduto dagli interventi dell’assessore per le pari opportunità del comune di Verona, Anna Leso, e della presidente dell’associazione “Isolina e…”, Marisa Mazzi, che hanno poi ceduto la parola a Stella e lasciato spazio alla "Compagnia delle Acque". Lo spettacolo, una rappresentazione a tutto tondo sull’evoluzione della figura della donna, ha accompagnato i presenti in sala in un excursus storico sull’emancipazione femminile attraverso immagini, canzoni e racconti del passato. Partendo dalla suffragetta inglese Emily Davison, buttatasi sulla pista dell’ippodromo e investita da un cavallo in corsa, la narrazione è giunta fino ai giorni nostri, passando per le tappe fondamentali che hanno portato all’emancipazione di molte donne nel mondo, con la consapevolezza che c’è ancora tanto da fare per garantire la totale parità dei sessi e il rispetto della donna in quanto tale..

29.11.2016