La lotta per l’emancipazione femminile arriva in “Maledette suffragette”

Il 25 novembre nell'aula T2 spettacolo per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne

“Maledette suffragette: storie, canti e immagini della lotta per l’emancipazione delle donne”. Questo il titolo dello spettacolo che si terrà il 25 novembre alle 21 nell’aula T2 del Polo Zanotto. Lo spettacolo di Gian Antonio Stella e Gualtiero Bertelli, li vedrà rispettivamente come voce narrante il primo e come voce, chitarra e fisarmonica il secondo. Ad accompagnarli, la Compagnia delle acque. L’ingresso sarà libero fino a esaurimento posti. L'iniziativa è organizzata dal Cug, Comitato unico di garanzia di ateneo, in collaborazione con il Comune di Verona e l'associazione "Isolina e…".

Il 25 novembre 1960 nella Repubblica Dominicana furono assassinate le tre sorelle Mirabal, accusate di aver tentato di contrastare il regime di Rafael Leònidas Trujillo, dittatore che costrinse il paese a vivere per oltre trent’anni nell’arretratezza e nel caos. Dal 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituzionalizzato questa giornata invitando governi, organizzazioni e media a sensibilizzare la società sul tema della violenza sulle donne. Un metodo efficace per prevenirlo è quello di continuare a far luce sull’argomento.

L’evento è inserito nel programma di iniziative promosso dall’Assessorato pari opportunità del comune di Verona per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Aderiscono all’iniziativa Cgil, Cisl e Uil di Verona, Consulta associazioni femminili, consultorio familiare privato Aied, Telefono rosa, Filo di Arianna, Circolo della rosa, Rete studenti medi, l’unione degli universitari Udu e il sindacato pensionati italiani Spi Cgil.

Sempre nell’ambito della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, alla biblioteca Frinzi sarà allestita la mostra  “Donne all'angolo”. L’esposizione è costituita da opere realizzate dagli studenti del Liceo Artistico Nani-Boccioni sul tema della violenza sulle donne, permettendoci di ‘vedere’ come i ragazzi percepiscono questo scottante tema. La mostra sarà visitabile fino al 13 dicembre.

07/11/2016

Allegati